Bentornata cara cliente: siamo qui con il nostro consueto appuntamento mensile.

Questo mese vogliamo approfondire la tematica relativa agli ingredienti contenuti all’interno dei cosmetici per guidarti verso una scelta che sia sana per la tua salute oltre che per l’ambiente.

Ci teniamo a farti comprendere quali siano i componenti da evitare affinché si diffonda sempre di più la consapevolezza sull’utilizzo di prodotti biologici, ecologici e naturali.

Questa tipologia di prodotti, infatti, oltre ad essere rispettosa dell’ambiente è anche più in simbiosi con il nostro corpo.

Ti invitiamo a fare una sorta di esperimento: prendi i vari prodotti che hai in casa come shampoo, bagnoschiuma, saponi, creme, lacche, gel capelli, cristalli liquidi per capelli, insomma prodotti di varie categorie.

Verifica tu stessa se nei prodotti sono presenti le sostanze nocive che noi qui di seguito ti elenchiamo!

Molto probabilmente sì! ?

Forse questo “test” potrebbe lasciarti perplessa ma è un passaggio necessario per raggiungere non solo una conoscenza approfondita di cosa ti spalmi addosso, ma soprattutto per capire quali sono le alternative valide a questa tipologia di prodotti.

Molti prodotti presenti nei supermercati ti avranno sicuramente soddisfatta per il loro effetto sulla pelle o perché hanno rispettato le tue aspettative.

Va detto però che (e non in tutti i casi logicamente) l’effetto finale che un cosmetico ti dà non dice nulla rispetto alla bontà dei suoi ingredienti.

O meglio, molti prodotti conferiscono un’apparente sensazione di morbidezza/benessere alla pelle o ai capelli, ma spesso sono formulate con sostanze che hanno proprio lo scopo di favorire questa sensazione e non di nutrire o apportare un reale beneficio.

A tal proposito, quindi, ci teniamo a precisare che il prodotto di bassa qualità a livello di componenti, non è necessariamente un prodotto poco costoso: molti prodotti di noti marchi contengono sostanze nocive.

Spesso queste sostanze sono di natura petrolchimica ed alla lunga possono risultare sensibilizzanti o addirittura irritanti e si avvalgono di profumazioni attraenti ricche di allergeni e dalle diciture ambigue, con il solo fine di attrarre il consumatore finale.

Di fronte a questa ambiguità, crediamo fermamente che il primo punto fondamentale sia raccogliere delle informazioni, che finora non avevi a disposizione, per avere le idee chiare ed essere pienamente informata e formata sull’argomento.

Il secondo passaggio che dovrai adottare sarà quello di non ricomprare tutti quei prodotti che al tuo test sono risultati nocivi.

Il terzo passaggio sarà l’acquisto di prodotti ecologici, biologici e naturali (fai sempre una sorta di test prima di acquistare un nuovo prodotto perché non mancano le aziende che speculano sul Bio e sul Naturale).

Solitamente una cosmesi attenta, e quindi a basso impatto sulle persone, si avvale di ingredienti di derivazione vegetale ed evita o diminuisce drasticamente l’utilizzo di quelle sostanze potenzialmente sensibilizzanti, irritanti e potenzialmente cancerogene.

Gli ingredienti vegetali, ad esempio, nutrono in profondità e non ostruiscono i pori e se provengono da colture biologiche o biodinamiche, aumentano chiaramente la validità e l’efficacia del prodotto finale.

Chiaramente l’uso di questo tipo di ingredienti aumenta il costo finale di un cosmetico: ad esempio una base lavante vegetale può arrivare a costare anche 15 volte di più di una base lavante di origine sintetica.

La stessa logica è applicabile a tutti i cosmetici/prodotti che applichi su corpo e capelli.

Vediamo ora come leggere quello che viene denominato INCI, ossia la “Nomenclatura Internazionale Ingredienti Cosmetici”, che è quella lista scritta in piccolo, posta dietro l’etichetta di un cosmetico.

Nello specifico, ti lasciamo qui di seguito una lista delle sostanze da evitare.

SODIUM LAURETH SULFATE (SLS): detergente primario economico con una forte aggressività

PROPYLPARABEN/BUTYLPARABEN: conservanti con potenziale di alterazione dell’equilibrio ormonale

METHYLPARABEN/ETHYLPARABEN: conservanti accettati solo se in bassa concentrazione

METHYLISOTHIAZOLINONE/METHYLCHLOROISOTHIAZOLINONE: sensibilizzante della pelle

PARAFFINUM LIQUIDUM/PETROLATUM: sostanze di derivazione petrolchimica

PROPYLENE GLYCOL: solvente universale di origine petrolchimica che solubilizza anche i grassi fisiologici

EDTA: agente che trattiene i metalli pesanti ed è quindi molto inquinante

Ultime precisazioni importanti:

-i prodotti non devono contenere profumi con allergeni e devono essere possibilmente testati al nichel, al cromo e al cobalto

– prezzo elevato, vendita in farmacia e dicitura “dermatologicamente testato” non sono sempre reale sinonimo di una maggiore cura nella scelta delle formulazioni.

Fai acquisti consapevoli, ama sempre te stessa e rispetta l’ambiente!

Nello scorso articolo vi abbiamo reso partecipi della nostra novità descrivendo il concetto di Bioetica e introducendo l’ Organic Style, il nostro rivoluzionario approccio nella ricerca dello stile.
Cosa si intende quindi per Stile Organico? Come si applica concretamente nel nostro lavoro?
Il nostro metodo fonda le sue radici nella nostra ammirazione per le forme e i colori che solo la natura riesce a combinare in modo così meraviglioso. Allo stesso modo noi siamo parte della natura, ragion per cui siamo, naturalmente meravigliosi!

Ogni essere umano è unico, non esiste nessun altro al mondo come lui.
Perché non dovremmo allora pensare di agire sullo stile di ogni persona in base alla propria unicità?
Attraverso esercizi per lo sviluppo della sensibilità e il profondo studio di cute e capelli, abbiamo acquisito la capacità di percepire lo stato emotivo e i desideri del cliente e le competenze per analizzarne le peculiarità estetiche e creare armonia tra di esse. Agire sull’unicità di ciascuno significa per noi avere la capacità di comprendere il cliente e le sue esigenze, in modo profondo, per conoscere la vera natura della persona e, dunque, il suo Stile Organico.
Il metodo studia la spinta e il volume dei capelli per creare forme e colori individuali e su misura per ogni cliente.
Il capello umano è a tutti gli effetti un materiale organico, lo stile più adatto si trova solo a patto che si prendano in considerazione tutti gli aspetti naturali dei capelli e della persona.
Vi starete chiedendo: Si, bello, ma di fatto cosa fate?

Lo stile organico nel taglio.

Focalizziamoci ad esempio sul Taglio.
Ciò che si impara attraverso i corsi è l’applicazione di tecniche di taglio “trigonometriche”, sistema che sfrutta la proiezione dei capelli verso l’esterno per creare le più svariate forme.
L’applicazione delle tecniche di taglio e la precisione nell’esecuzione danno buoni risultati , ma funzionano (a volte parzialmente) solo su un caso di testa ben preciso che abbia una direzione di crescita perfettamente omogenea, una certa forma ed una quantità/qualità di capelli che rientrino nella media.
Il nostro Stile Organico invece, sfrutta sì le regole del taglio per la costruzione delle forme, ma non perdendo mai di vista la Persona e quanto intende “comunicare” attraverso la scelta del suo stile e la nostra “materia prima”, i capelli.

Su di essi andremo a lavorare analizzandone la struttura e la loro naturale direzione, senza forzature, per poter personalizzare la tecnica al caso specifico e per facilitarne così la gestione giornaliera.
Rispettare i capelli ci permette di farceli amici: studiamo quindi il movimento di ogni ciocca tagliata per assicurarci che, una volta asciutta, vada nella direzione che vogliamo che prenda, ci assicuriamo l’armonia del flusso necessario tra mano e forbice per cesellare un taglio.

Lo stile organico nel colore.

Lo stile organico nei colori va oltre il gusto estetico.
Puoi desiderare o volerti vedere (o meglio “sentire”) di un altro colore rispetto a quello tuo naturale. La forza della nostra tecnica si esprime nella attenta conoscenza delle armo-cromie e delle discromie e nella visione olistica dello stile.
Richiede la capacità di riconoscere e posizionare le altezze e le profondità di tono e comprenderne l’effetto finale in affinità con lo stile del taglio e dei punti luce da sfruttare.
Liberare i capelli dalla sovrapposizione di colori precedenti e sfruttare i pigmenti ancora esistenti sono due temi decisivi per la nostra rivoluzionaria tecnica colore organico.
Creatività e individualità sono le regine dello STILE ORGANICO e, vedrete, ne sentiremo parlare molto in futuro!

Diritti Riservati. É vietata la riproduzione anche parziale del contenuto se non citando chiaramente la fonte.

Eccoci qui nel nostro consueto appuntamento mensile per parlare di bellezza dei capelli, cura di sé stessi e per regalare preziosi consigli ispirati alla filosofia Bross.

Oggi vogliamo introdurti ad un’ importantissima novità che ci rende orgogliosi in quanto siamo gli unici ad aver compiuto questa scelta su tutto il territorio Italiano, senza mai perdere di vista la nostra premura principale: il tuo benessere e la bellezza dei tuoi capelli.

Ti starai chiedendo… quale è la novità?

Già accennato timidamente in qualche nostro post e da tempo adoperato come nostro approccio e metodo di cure e attenzioni verso il cliente, Bross Parrucchieri può ad oggi definirsi il “primo salone Bioetico Italiano” .

Cosa significa esattamente Bioetico?

Il termine Bioetica comparve per la prima volta nel 1970, in un articolo dell’oncologo americano V.R. Potter  che spiegava così la nascita di questa nuova disciplina:

Riportando dapprima una definizione scientifica, si definisce Bioetica (dal greco antico ἔθος (o ήθος)[1], “èthos”, carattere o comportamento, costume, consuetudine, e βίος, “bìos”, vita) la disciplina che si occupa delle questioni morali legate alla ricerca biologica e alla medicina.

Spostando il concetto sul mondo del “bellessere”, ci definiamo Bioetici perché sulla base dei nostri valori e su questa disciplina abbiamo costruito un’ “unico” metodo di lavoro.

“Di fronte al rapido progresso del sapere biomedico e biotecnologico, alle scoperte nel campo dell’ingegneria genetica e alle crescenti possibilità di manipolare la vita umana e l’ecosistema, Potter riteneva che il solo modo per garantire la sopravvivenza dell’umanità fosse quello di costituire «una nuova disciplina che combinasse la conoscenza biologica (bio) con la conoscenza del sistema dei valori umani (etica)»: una disciplina che facesse da ‘ponte’ tra il sapere scientifico e il sapere umanistico per usare con ‘saggezza’ le nuove conoscenze, così da migliorare la qualità della vita delle generazioni future.”

Il nostro concetto di Bioetica lavora su due differenti ma paralleli piani:

 – Crediamo nella forza della natura e la rispettiamo utilizzando prodotti con basi vegetali che contengono oli essenziali ed ingredienti provenienti da coltivazioni biologiche e biodinamiche. Laddove questo non è possibile, utilizziamo prodotti formulati con una chimica a basso impatto sia sulle persone che sull’ambiente, facendo leva sulla nostra profonda conoscenza della chimica cosmetica che ci consente un approccio etico/responsabile e mai invasivo sulla cute e sui capelli

– Si esprime anche e soprattutto nel credo che diffondiamo in salone, nel nostro approccio alle persone e nel nostro modo di considerare i clienti come nostri ospiti. L’approccio Bioetico verso di loro ci porta a non soffermarci solo ed esclusivamente ai capelli, ma ad approfondire stili di vita, stati d’animo e abitudini della persona e cercando di dedicare alle persone tutte le attenzioni che meritano al fine di trascorrere del tempo di valore in salone.

Avere un approccio Bioetico per noi è un po’ come prenderci cura delle foglie e del fusto di una pianta, ma solo dopo aver conosciuto il suo stato di salute, i trattamenti subiti in precedenza, i cambiamenti climatici sopportati e affrontati.

Così come una pianta non si cura limitandosi all’osservazione esterna, anche noi non ci soffermiamo sul solo aspetto estetico di un cliente e solo sui suoi capelli per decidere il percorso migliore da intraprendere.

Questo approccio apre sicuramente il sipario ad un altro tipo di filosofia in cui crediamo fortemente: essere Bioetici ed essere alla moda non sono due aspetti che necessariamente vanno a braccetto.

Per questo abbiamo studiato l’ “Organic Style”: prima di consigliare un trattamento o un colore alla moda, ci preoccupiamo innanzitutto di comprendere abitudini e stili di vita del cliente per trovare insieme uno stile organico, uno stile che sia complementare alla persona e che non segue necessariamente la moda, ma segue e si allinea alle caratteristiche ed alle peculiarità del cliente che abbiamo di fronte.

Non vogliamo paventare una sorta di opposizioni alle mode, perché da parrucchieri quali siamo, essere alla moda e seguire le tendenze è inevitabile per passione ed è anche indice di aggiornamenti costanti su tendenze ed evoluzioni della moda capelli.

Ciò di cui invece vogliamo andar fieri è che noi di Bross cercheremo sempre di consigliare al cliente una saggia via di mezzo, un equilibrio, che sposi le tendenze  senza però Mai Dimenticare che lo stile è una combinazione di personalità e scelte, non basta seguire solo la moda.

Approfondiremo il concetto di “Organic Style” nel nostro prossimo articolo, continua a seguirci!